Tributi - Gestione Entrate - Comune di Laveno Mombello

Come fare per... | Tributi - Gestione Entrate - Comune di Laveno Mombello

TRIBUTI - GESTIONE ENTRATE - COME FARE PER...

Avere informazioni sull'Imposta municipale propria (I.M.U.)

Avere informazioni sulla Tassa sui rifiuti (T.A.R.I.)

Avere informazioni sul Tributo per i servizi indivisibili (T.A.S.I.)

Avere informazioni sull'Occupazione di spazi ed aree pubbliche (Concessione o autorizzazione)

Richiedere Risarcimento danni causati dal comune

Avere informazioni sull'Imposta municipale propria (I.M.U.)

(art. 13 del decreto legge n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni, con legge 22 dicembre 2011, n. 214; artt. 9 e 14, commi 1 e 6, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23; art. 1, commi 639 e ss.-, legge 27 dicembre 2013 n. 147)

- Soggetti passivi (Art. 9 d.lgs. 23/2011).
Soggetti passivi dell’imposta municipale propria sono il proprietario di immobili, inclusi i terreni e le aree edificabili, a qualsiasi uso destinati, ivi compresi quelli strumentali o alla cui produzione o scambio è diretta l’attività dell’impresa, ovvero il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi. Nel caso di concessione di aree demaniali, soggetto passivo e’ il concessionario. Per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria, soggetto passivo e’ il locatario a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto. 
Ai sensi dell’art. 13 del d.l. 201/2011, come novellato dalla legge di stabilità 2014, l’imposta municipale propria non si applica al possesso dei seguenti immobili: 
a) abitazione principale e pertinenze della stessa, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, per le quali continuano ad applicarsi l’aliquota agevolata e la detrazione di imposta; 
b) unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari; 
c) fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal decreto del Ministro delle infrastrutture 22 aprile 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 146 del 24 giugno 2008; 
d) casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio; 
e) unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall’articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica; 
ABITAZIONE PRINCIPALE
Per abitazione principale si intende l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile. 
PERTINENZE DELL’ABITAZIONE PRINCIPALE
Sono considerate pertinenze dell’abitazione principale esclusivamente le unità immobili classificate nelle categorie catastali C/2 (Magazzini e locali di deposito), C/6 (Stalle, scuderie, rimesse e autorimesse) e C/7 (Tettoie chiuse o aperte), nella misura massima di un’unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all’unità ad uso abitativo. Alle pertinenze è riservato lo stesso trattamento di aliquota e detrazione dell’abitazione principale, pertanto nel calcolo la rendita catastale delle pertinenze va sommata con quella dell’abitazione principale. 
DETRAZIONE
Per l’unità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo e per le relative pertinenze, si detraggono, fino a concorrenza del suo ammontare, euro 200, rapportati al periodo dell’anno durante il quale si protrae tale destinazione; se l’unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi proporzionalmente alla quota per la quale la destinazione medesima si verifica; 
- - Dichiarazione
I contribuenti presentano la dichiarazione relativa alla IUC entro il termine del 30 giugno dell’anno successivo alla data di inizio del possesso o della detenzione dei locali e delle aree assoggettabili al tributo. Nel caso di occupazione in comune di un’unità immobiliare, la dichiarazione può essere presentata anche da uno solo degli occupanti. 
La dichiarazione, redatta su modello messo a disposizione dal comune, ha effetto anche per gli anni successivi sempreché non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo; in tal caso, la dichiarazione va presentata entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui sono intervenute le predette modificazioni. Al fine di acquisire le informazioni riguardanti la toponomastica e la numerazione civica interna ed esterna di ciascun comune, nella dichiarazione delle unità immobiliari a destinazione ordinaria devono essere obbligatoriamente indicati i dati catastali, il numero civico di ubicazione dell’immobile e il numero dell’interno, ove esistente. 
- - Aliquota agevolata – Detrazioni o riduzioni d’imposta
Le aliquote agevolate, le detrazioni o le riduzioni di imposta sono disciplinate dal regolamento comunale e/o con deliberazione delle aliquote. 
Le modalità, i termini ed i requisiti sono reperibili presso ogni singolo Comune. 
- - Rimborso di imposta versata e non dovuta. 
Ai sensi dell’art. 1, comma 164, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, il rimborso delle somme versate e non dovute deve essere richiesto dal contribuente entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento, ovvero da quello in cui è stato accertato il diritto alla restituzione. Il Comune provvede ad effettuare il rimborso entro centottanta giorni dalla data di presentazione dell’istanza. 
- - Autotutela. 
Chiunque ritiene di essere destinatario di un provvedimento illegittimo o infondato relativo all’applicazione dell’imposta comunale sugli immobili può chiedere il riesame del provvedimento stesso in autotutela con relativo annullamento totale o parziale. 
Per vizi di legittimità si intende, principalmente, un errore di persona, un evidente errore logico o di calcolo, una doppia imposizione, la sussistenza di requisiti per fruire di deduzioni, detrazioni o regimi agevolati, un errore materiale del contribuente, ecc.. (art. 2 del D.M. 11 febbraio 1997, n. 37 – G.U. n. 53 del 5 marzo 1997). La richiesta di riesame va prodotta all’ufficio tributi. Non è rilevante il tempo trascorso dall’atto impositivo. Gli atti che possono essere annullati in via di autotutela sono: 
- avvisi di accertamento per omessa o infedele dichiarazione ovvero per omessi o insufficienti versamenti; 
- atti di irrogazione delle sanzioni tributarie; 
- atti di diniego di agevolazioni tributarie, di diniego di rimborsi, ecc.. 
- - Contenzioso. 
Avverso gli avvisi di accertamento per omessa o infedele dichiarazione o per omesso o insufficiente versamento dell’imposta può essere proposto ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale territorialmente competente. I termini e le modalità di presentazione del ricorso vengono dettagliatamente indicati negli avvisi di accertamento come disciplinati dall’art. 1, comma 162, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.

Torna all'inizio

Avere informazioni sulla Tassa sui rifiuti (T.A.R.I.)

(art. 1, commi 639 e ss.-, legge 27 dicembre 2013 n. 147)

- Soggetti passivi
La tassa è dovuto da chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani.

- Dichiarazione originaria o di variazione
I soggetti passivi del tributo presentano la dichiarazione entro il termine stabilito dal comune nel regolamento, fissato in relazione alla data di inizio del possesso, dell’occupazione o della detenzione dei locali e delle aree assoggettabili a tributo. Nel caso di occupazione in comune di un fabbricato, la dichiarazione può essere presentata anche da uno solo degli occupanti.
La dichiarazione, redatta su modello messo a disposizione dal comune, ha effetto anche per gli anni successivi sempreché non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo; in tal caso, la dichiarazione va presentata entro il termine stabilito dal comune nel regolamento.

- Agevolazioni e riduzioni
Il regolamento comunale può prevedere agevolazioni o riduzioni della tassa. Contestualmente, in sede di dichiarazione originaria o di variazione, ovvero separatamente al verificarsi dell’evento che dà diritto alle agevolazioni, il contribuente dovrà richiedere la eventuale agevolazione o riduzione prevista dal citato regolamento comunale.

- Rimborso di imposta versata e non dovuta. 
Ai sensi dell’art. 1, comma 164, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, il rimborso delle somme versate e non dovute deve essere richiesto dal contribuente entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento, ovvero da quello in cui è stato accertato il diritto alla restituzione. Il Comune provvede ad effettuare il rimborso entro centottanta giorni dalla data di presentazione dell’istanza.

- Autotutela
Chiunque ritiene di essere destinatario di un provvedimento illegittimo o infondato relativo all’applicazione del tributo può chiedere il riesame del provvedimento stesso in autotutela con relativo annullamento totale o parziale. Per vizi di legittimità si intende, principalmente, un errore di persona, un evidente errore logico o di calcolo, una doppia imposizione, la sussistenza di requisiti per fruire di deduzioni, detrazioni o regimi agevolati, un errore materiale del contribuente, ecc.. (art. 2 del D.M. 11 febbraio 1997, n. 37 – G.U. n. 53 del 5 marzo 1997). La richiesta di riesame va prodotta all’ufficio tributi. Non è rilevante il tempo trascorso dall’atto impositivo.
Gli atti che possono essere annullati in via di autotutela sono:
- avvisi di accertamento per omessa o infedele dichiarazione ovvero per omessi o insufficienti versamenti
- atti di irrogazione delle sanzioni tributarie
- atti di diniego di agevolazioni tributarie, di diniego di rimborsi, ecc..

- Contenzioso
Avverso gli avvisi di accertamento per omessa o infedele dichiarazione o per omesso o insufficiente versamento del tributo può essere proposto ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale territorialmente competente.
I termini e le modalità di presentazione del ricorso vengono dettagliatamente indicati negli avvisi di accertamento come disciplinati dall’art. 1, comma 162, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.


Dove
- Allo sportello dell'Ufficio preposto;
- Utilizzando l'apposita procedura online (previa registrazione) caricando l'opportuna modulistica richiesta debitamente compilata

Torna all'inizio

Avere informazioni sul Tributo per i servizi indivisibili (T.A.S.I.)

La Tasi è il tributo per i servizi indivisibili introdotto dalla Legge 27 dicembre 2013, n. 147 “Legge di stabilità 2014” e il cui pagamento è a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile.

Grava sul possesso o sulla detenzione a qualsiasi titolo di fabbricati e di aree edificabili, mentre non sono ricompresi nel presupposto impositivo i terreni agricoli. A decorrere dal 2016, per effetto delle modifiche introdotte dalla legge di stabilità, le abitazioni principali e ad esse assimilate, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, sono escluse dal presupposto impositivo della TASI. 
Chi è tenuto al pagamento
Salvo esclusioni ed esenzioni espressamente previste dalla legge, l’imposta deve essere pagata in base alla quota e ai mesi di possesso nell’anno solare (1° gennaio – 31 dicembre) da:

  • il proprietario degli immobili, siti nel territorio dello Stato, a qualsiasi uso destinati, ivi compresi quelli strumentali o alla cui produzione o scambio è diretta l’attività dell’impresa;
  • il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi;
  • il locatario per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria, a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto;
  • il concessionario di aree demaniali.


Gli esenti
Non sono chiamati a versare il tributo:

  • I proprietari di un solo immobile adibito ad abitazione principale e relative pertinenze considerate
  • I proprietari di abitazioni assegnate all'ex coniuge e quelle a un parente disabile entro il secondo grado.
  • Possessori di terreni agricoli


Tempi e modalità di pagamento
Come per l'IMU, in sede di conversione del decreto legge 16/2014, è stato disposto che i contribuenti sono tenuti ad effettuare il versamento della TASI per l'anno in corso in due rate, scadenti la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre. È comunque consentito il pagamento in un unica soluzione entro il 16 giugno dell'anno d'imposta.

La Tasi si versa mediante modello F24 o con apposito bollettino di conto corrente postale.
Coloro che hanno presentato il Modello Unico per la dichiarazione dei redditi, potranno compensare quanto dovuto per la TASI con i crediti di imposta (in particolare con l’IRPEF).

Sanare ritardi e omessi versamenti
Il ravvedimento operoso
Questo strumento permette a tutti i contribuenti di regolarizzare spontaneamente la propria posizione nel caso in cui il versamento del tributo sia stato omesso o risulti insufficiente. Si può utilizzare entro un anno dalla scadenza del termine del versamento dovuto e nel caso in cui non sia arrivata una contestazione sul versamento (una cartella esattoriale, per esempio)
Per il calcolo di quanto è necessario versare bisogna considerare la quota dell'imposta non pagata, a cui aggiungere sanzioni e interessi sulla base del giorno in cui si procede al pagamento.
Una volta pagato, è bene comunicare all'ufficio tributi l'avvenuto versamento utilizzando il modello "Comunicazione ravvedimento operoso"

Torna all'inizio

Avere informazioni sull'Occupazione di spazi ed aree pubbliche (Concessione o autorizzazione)

Coloro che intendono occupare spazi ed aree pubbliche appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile del Comune nonché su tratti di aree private sulle quali risulta costituita, nei modi e nei termini di legge, servitù di pubblico passaggio, devono inoltrare domanda di concessione ovvero di autorizzazione, al competente ufficio comunale.

Le occupazioni sono permanenti o temporanee: - sono permanenti le occupazioni di carattere stabile, effettuate a seguito di rilascio di atto di concessione, aventi comunque durata non inferiore all’anno; - sono temporanee le occupazioni di durata inferiore all’anno. Le occupazioni possono riguardare: - spazi ed aree pubbliche; - spazi sottostanti il suolo (condutture in genere); - spazi sovrastanti il suolo (tende,linee o condutture aeree). I termini e le modalità di presentazione della domanda sono disciplinati dall’apposito regolamento comunale.

Torna all'inizio

Richiedere Risarcimento danni causati dal comune

Deve essere presentata domanda al comune per il risarcimento di danni che siano stati arrecati ai cittadini e che presumibilmente siano a carico del comune. Rientrano i danni causati da automezzi di proprietà comunale, cadute di cornicioni di immobili di proprietà comunale, buche nelle strade, cadute di rami, ecc.. E’ sempre opportuno indicare le generalità di eventuali testimoni.

Cosa serve
- Certificati medici e del pronti soccorso per danni alle persone; - fotografie, preventivi o fatture, per danni alle cose.


Quando
La domanda di rimborso deve essere presentata al più presto possibili e comunque non oltre cinque anni dall’accaduto.


Dove
La richiesta di risarcimento deve essere presentata presso l’ufficio economato

Torna all'inizio

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (1 valutazione)